SEGUICI SU

ipnosi clinica

Ciao,

Cosa c’entrano l’ipnosi e l’autoipnosi con Carl Jung?

Forse conosci il nome di Jung in quanto fondatore della psicologia analitica ma forse non sai che Jung √® stato un grande ipnotista e precursore dell’auto-ipnosi.

“Nel 1905 conseguii la docenza in psichiatria e lo stesso anno fui nominato primario della cinica psichiatrica dell’ Universit√† di Zurigo..durante i primi semestri le mie lezioni concernevano principalmente l’ipnosi..” (C.G. Jung “Ricordi, sogni, riflessioni ed.Bur 1992)

In molti sanno che Jung era considerato il “delfino” di Freud o se vogliamo quello che sarebbe diventato il successsore di Freud nel movimento psicanalitico tanto che Freud stesso gli chiese di recarsi in America con lui e tenere una serie di conferenze alla Clark University.

jung e freudNel viaggio in nave i due iniziarono a conoscersi meglio e ad analizzare i rispettivi sogni e mentre Freud chiedeva a Jung di aprirsi e lasciarglieli analizzare lui non era però così propenso a lasciare che Jung analizzasse i suoi..

E questo a Jung forse non andava tanto gi√Ļ..

Da l√¨ le prime divergenze che portarono poi alla separazione.. Qualcosa che in pochissimi sanno √® che Jung ha iniziato il suo percorso grazie all’incontro con una medium.. sua cugina Helene Preiswerk.

heleneHelene invitava Jung a partecipare alle sue “sedute spiritiche” dove manifestava quelli che oggi sappiamo essere fenomeni spontanei che avvengono nella trance ipnotica. Per quei tempi non era chiaro cosa accadesse in ipnosi e cos√¨ la trance ipnotica e le sedute di ipnosi regressiva venivano attribuiti poteri mistici, la trance sonnambulica¬†e le altre manifestazioni associate attiravano curiosi che attribuivano le capacit√† di Helene a poteri sovrannaturali.

Arriva l’autoipnosi..

freudFreud abbandon√≤ presto l’ipnosi perch√® per sua stessa ammissione non ne era capace di usarla, una tecnica “capricciosa”come lui stesso dice chiaramente nella seconda delle cinque conferenze sulla psicanalisi alla Clark University¬†di Worchester, Massachusetts nel settembre del 1909:

"quando feci l'esperienza che nonostante tutti i miei sforzi non mi riusciva di trasferire lo stato ipnotico a pi√Ļ di una piccolissima parte dei miei malati,¬†
decisi di rinunciare all'ipnosi.."

Jung invece vi dedicò 6 anni della sua vita dal 1913 al 1919.

Si chiuse in casa iniziando a praticare degli “esercizi” che avevano lo scopo di provocare l’emergere di immagini dall’inconscio e creare in lui un’ “attivazione emotiva” che gli permettesse di entrare in contatto con quelle parti di s√© rimaste in ombra e recuperare cos√¨ abilit√† e risorse inconsce.

Jung lavorava per provocare l’emergere delle immagini inconsce e nel suscitare la loro irruzione nella coscienza attraverso due tecniche principali:

  1. il contenuto dei suoi sogni;
  2. il racconto di storie creative.

Jung descrive questo percorso che adesso sappiamo essere in realt√† un percorso di auto-ipnosi come un viaggio all’interno del suo inconscio, un percorso che lo port√≤ dall’avere un carattere estremamente introverso allo sviluppare un’estrema estroversione con un conseguente “senso di sollievo e libert√†“.

Jung era anche uno studioso di filosofia orientale, praticava la meditazione ed era uno studioso del Tao te Ching.

Per chiudere questo post mi piacerebbe condividere con te tre frasi tratte da questo libro che lui conosceva così bene.

"Colui che conosce gli altri è sapiente;  
Colui che conosce se stesso è illuminato.
Colui che vince un altro è potente; colui che vince se stesso è forte.
Colui che agisce con forza ha risolutezza;  
colui che sa soddisfarsi è ricco."

Ciao,

Dottor Mauri

Hello!

We carry an article for those interested in clinical applications of hypnosis , in particular for what concerns pain.

I had the good fortune to do an internship with Dr.. Mariconti (Medical Director of Anesthesia and Pain Therapy) and participate in these meetings to help overcome the headache .

Being even Psychotherapist using hypnosis, and has been a special experience to see how, in addition to the physical pain of the people participating in these groups, “sbloccavano pains” psychological ..

I leave Article

Hello

Manuel

Hypnosis ally of the fleet to breast cancer .

A study
published online in the American “Journal of the National Cancer Institute “ legitimizes the entry in the aisles of oncology wards: a hypnosis session before entering the operating room for surgery of breast cancer – they have in fact demonstrated Guy Montgomery and colleagues Mount Sinai School of Medicine in New York – reduces the doses of anesthetic needed , decreases pain and discomfort pre and post-operative, and shortens the duration of hospitalization. In other words, is able to reduce the cost of the surgery of approximately $ 773 per patient.

The benefits of surgery in breast cancer  Women who are operated on for breast cancer often complain about pain, nausea and weakness before and after surgery. Complications which may lengthen hospital stay or to promote a new hospitalization, and sometimes force them to further medication. Earlier studies had already suggested the possible virtues of hypnosis against these hardships. Benefits that American experts have now demonstrated in a clinical trial of 200 women ad hoc . In particular, scientists have evaluated the effects of hypnosis practiced an hour before the operation.

And also the anesthesia becomes lighter
The study participants were randomized into two groups: all were entrusted to a psychologist, but while some merely to dialogue, others were instead subjected to 15 minutes of hypnosis pre-intervention . During the session, the specialist accompanied them virtually in a world of images pleasant and relaxing, and also explained to them the ABC’s of self-win for any bothersome symptoms. The authors have thus observed that women in the intervention phase of the group hypnosis anesthesia was enough
light. Not only that. These patients reported fewer problems and spent an average of 11 minutes less on the operating table. Source: “La Stampa” 08/28/07

RIMANETE CONNESSI